7a GIORNATA NAZIONALE DELL’INGEGNERIA DELLA SICUREZZA

Venerdì

25

ottobre 2019

MATERA - Auditorium Serra del Sole

CFP: 5

25/10/2019 @ 09:00:00

25/10/2019 @ 17:15:00

Le iscrizioni a questo evento sono chiuse o non sono previste

Contatta il CNI per maggiori informazioni.

Descrizione dell'evento

IL VALORE SOCIALE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA OBIETTIVO PRIMARIO DI UNA SOCIETÀ CIVILE.

MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Azioni ed esperienze a confronto

 

ore 9:00 Registrazione dei partecipanti

9:30 Apertura dei lavori

Giuseppe Sicolo - Presidente del’Ordine degli Ingegneri della provincia di Matera

Armando Zambrano - Presidente Consiglio Nazionale Ingegneri

Salvatore Mulas - Capo Dipartimento del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Fabio Dattilo - Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Saluti Autorità ed Enti patrocinanti

ore 10:00 PRIMA SESSIONE - LA NORMAZIONE EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Chairman: Gaetano Fede Consigliere CNI, responsabile Area Sicurezza

ore 10:10 Prospettive e sviluppi in ambito comunitario delle questioni in materia prevenzionistica

Antonio Cammarota Direzione generale Occupazione e affari sociali, Sezione Ohs, della Commissione Europea

ore 10:30 I progetti sui nuovi rischi emergenti posti dalla digitalizzazione

Andrew Smith Head Of Communication And Promotion European Agency For Safety And Health At Work (Eu-osha)

ore 10:50 Gli effetti della tragedia della Grenfell Tower sulla sicurezza antincendio in Italia e UK. sviluppi normativi e progresso tecnologico

Filippo Cosi Fire Safety Engineer, membro Commissione Prevenzione incendi dell’Ordine Ingegneri di Torino

ore 11:10 Case Study: la gestione del rischio incendio nelle strutture storiche in materiale ligneo - il caso di Notre Dame a Parigi

Michel Civès Brigade de Sapeurs-Pompiers de Paris - esperto in art protection

 

ore 11:30 SECONDA SESSIONE

VALUTARE I RISCHI TRA ETICA, CULTURA, SOSTENIBILITA’ E SICUREZZA

Chairman: Michele Lapenna Consigliere Tesoriere CNI

ore 11:30 Interventi per la prevenzione e la gestione delle sostanze pericolose negli ambienti di lavoro

Ester Rotoli Direttore Centrale Prevenzione INAIL

ore 11:50 La sicurezza a partire dai banchi di scuola

Giovanna Boda D.G. per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR

ore 12:10 Dalla complessità normativa alla organizzazione del lavoro: le conseguenze di una “sbagliata” gestione della SSL.

Maria Giovannone Ufficio Salute e Sicurezza ANMIL

ore 12:30 La tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: il ruolo e le attivita’ degli organi di vigilanza Antonio Leonardi Direttore Dipartimento Servizi di Prevenzione ASL Catania - Componente GdL Sicurezza del CNI

ore 12:50 Case study, Il decommissioning nucleare: la bonifica della fossa 7.1 presso il sito di Trisaia

Vincenzo Stigliano Sogin, responsabile disatttivazione Trisaia

ore 13:10 Light lunch

ore 15:00 Speech Sponsor

Presenta: Giuseppe Sicolo Presidente Ordine Ingegneri provincia di Matera

Speech sponsor tecnici

ore 15:15 TERZA SESSIONE EVENTI PUBBLICI E SICUREZZA: INTEGRARE ARTE, CULTURA E VINCOLI NORMATIVI

Chairman: Rocco Luigi Sassone Componente GdL Sicurezza del CNI

ore 15:15 Aspetti normativi e passaggi procedurali finalizzati all’ottenimento delle licenze necessarie all’esercizio e agibilità di luoghi pubblici in cui si svolgono eventi

Demetrio Martino S.E. Prefetto di Matera

ore 15:35 La previsione dei comportamenti individuali e collettivi in situazioni critiche

Fulvio Giardina Presidente Consiglio Nazionale Ordine Psicologi

ore 15:55 La fire safety engineering applicata alle manifestazioni con presenza di pubblico: approcci metodologici

Marco Di Felice Componente GdL Sicurezza del CNI

ore 16:15 Idoneità tecnica e aspetti giuslavoristici di tutela del lavoro applicabili alle figure della sicurezza del settore eventi

Renato Pingue Direttore Interregionale Ispettorato Nazionale del Lavoro

ore 16:35 La safety nei grandi eventi: l’esperienza del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Marco Cavriani Direttore Centrale Prevenzione Vigili del Fuoco

ore 16:55 Dibattito

ore 17:15 Conclusioni e documento finale

Gaetano Fede

Note dell'evento

La partecipazione alla giornata sarà valida per n°3+2 CFP (3 la mattina e 2 il pomeriggio) per l’aggiornamento delle competenze professionali degli Ingegneri. 

 

PRESENTAZIONE

La Giornata Nazionale dell’Ingegneria della Sicurezza è giunta alla sua settima edizione e, per la prima volta, non si svolgerà a Roma ma a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. La manifestazione che ha ottenuto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica avrà come titolo “Il valore sociale della Cultura della Sicurezza obiettivo primario di una Società Civile. Azioni ed esperienze a confronto”. I lavori saranno articolati in tre sessioni distinte, due la mattina ed una il pomeriggio. Durante la prima sessione i relatori si confronteranno sui nuovi approcci “europei” alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Le direttive Europee sono provvedimenti che gli Stati membri hanno l’obbligo di adottare complessivamente entro i termini stabiliti, la cui entrata in vigore viene definita dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE. Di norma le direttive comunitarie stabiliscono dei criteri minimi, tuttavia gli stati membri nella fase di recepimento sono comunque liberi di adottare prescrizioni più severe per la tutela dei lavoratori; per questo motivo la normativa nazionale relativa agli aspetti di protezione e prevenzione suiluoghi di lavoro, può variare tra i diversi paesi dell’Unione. La seconda sessione avrà lo scopo di analizzare i collegamenti tra rischi, obblighi di sicurezza e concetti di Etica, Cultura e Sostenibilità. La Costituzione Italiana sottolinea la basilare importanza dell’adozione delle norme di sicurezza come principio assoluto che non ammette né sconti, né deroghe a elementi quali l’ineluttabilità degli eventi, l’imprevedibilità degli stessi, la crisi economica e produttiva. Il nuovo modello di organizzazione aziendale ha come finalità esclusiva l’evitare o il ridurre i rischi di infortunio o di malattia, nonchè la realizzazione di un contesto lavorativo che tuteli la persona. Infine nella terza sessione si affronteranno in un’ottica comparata approcci normativi e buone pratiche applicabili ai luoghi di intrattenimento. il Ministero dell’Interno, con una direttiva a firma del Capo di Gabinetto Prefetto Matteo Piantedosi, ha cercato di dare indicazioni concrete ed attuabili per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di eventi e manifestazioni pubbliche. Le nuove indicazioni sono intese a ridefinire alcuni passaggi procedurali e a favorire, nell’ottica di un “approccio flessibile” alla gestione del rischio, la migliore parametrazione delle misure cautelari rispetto alle “vulnerabilità” in concreto rilevate per ciascun evento.